Il sapere degli Antichi Greci è disponibile sia in formato cartaceo che digitale, anche in download gratuito. Bestseller di Amazon in Filosofia

domenica 29 gennaio 2017

La ricetta per raggiungere la felicità...


Con i tempi che corrono, avere un lavoro subordinato non significa automaticamente essere felici. Tutt'altro.

Esattamente un anno fa, mi sono licenziato da un impiego ben pagato con un contratto a tempo indeterminato e tutto ciò è avvenuto nel bel mezzo della più grande crisi economica dell'ultimo secolo! Una follia? 

Prima di giudicare, leggete la mia storia: vi dico soltanto che sarei pronto a rifarlo altre mille volte, perché se non mi fossi licenziato non avrei vissuto il periodo più bello della mia esistenza.

Ma la cosa più importante, è che se non avessi scelto di essere, e non di esistere, non sarei mai e poi mai riuscito a ritrovare me stesso e così non avrei neanche iniziato a vivere con pienezza la mia vita.

Che cosa significa? Cercherò di farvelo capire...

Da quando ho scelto di vivere seguendo le mie passioni più autentiche e di dedicare tutto il mio tempo a ciò che mi piace effettivamente fare, invece di essere uno schiavo che spreca la  vita in un'azienda obbedendo agli ordini che gli vengono impartiti per non rischiare di essere licenziato, ho fatto più cose in un solo anno di quante ne avrei potute realizzare in 40 di schiavitù lavorativa trascorrendo 8-10 ore al giorno per 5-6 giorni alla settimana recluso all'interno di un'azienda, al pari di un carcerato!

Non c'è da stupirsi: un conto è poter disporre interamente del proprio tempo, un altro è rientrare a casa stremati dopo una lunga giornata di attività forzose e alienanti. 

I curiosi troveranno un elenco delle mie attività nella nota che ho posto in fondo alla pagina (*), ma non è di questo che vi voglio parlare, perché in realtà non è poi così importante che un individuo riesca o meno ad ottenere dei grandi "successi" nella vita.

Non conta niente diventare ricchi, vincere una gara, scrivere un bestseller o raggiungere chissà quale altro obiettivo se gli sforzi e i sacrifici che si sono compiuti per concretizzare tali risultati hanno compromesso la propria felicità o quella di qualche altro essere vivente.

Il punto cruciale è di scegliere se vivere come uno schiavo o come farebbe un vero essere umano. 

Devo ammettere che non è stato per niente facile compiere un simile passo, anche perché nel momento del bisogno succede una cosa assai curiosa: invece di aiutarti, quasi tutte le persone che ti stanno vicino iniziano a darti contro. 

Tu inizi a lamentarti, a dire che non ce la fai più e che vorresti cambiar vita, anzi vorresti perfino cambiare il mondo per renderlo un posto migliore per tutti, perché così non ha senso andare avanti, non ha senso sprecare l'occasione della vita per alimentare quella che si potrebbe sinteticamente descrivere come una follia sociale... 

Ed allora tutti iniziano a ridere di te, ti dicono che sei pazzo, che devi smetterla di lamentarti perché sei “fortunato” ad avere un posto fisso di lavoro, anche se in realtà non è altro che una moderna forma di schiavitù legalizzata, che forse dovresti parlare con uno strizzacervelli e prendere perfino delle pillole per combattere l'ansia, lo stress e la depressione... 

È una logica perversa: invece di agire sulle cause si trattano i sintomi senza eliminare la malattia, e così si continua a sopravvivere invece d'iniziare a vivere.

Nessuno ti dirà mai e poi mai la cosa più semplice del mondo, ma al tempo stesso anche la più efficace: «guarda dentro di te, conosci te stesso, desidera la felicità e fai quanto in tuo potere per essere felice».

E così, da quel giorno, la mia vita è cambiata drasticamente... 

Capisci di essere sulla buona strada, quando al mattino ti svegli felice e non lo sei perché hai ottenuto qualcosa, ma perché sei felice e basta. 

All'improvviso le tue energie psico-fisiche aumentano, senza un apparente motivo, non ti senti mai stanco ed hai una gran voglia di vivere. 

Ti guardi intorno e ti sembra tutto straordinario, perché riesci a cogliere la bellezza di ciò che ti circonda...

Il filosofo Friedrich Nietzsche diceva: «Diventa ciò che sei», mentre lo psicologo Carl Gustav Jung sosteneva che: «In ultima analisi, noi contiamo qualcosa solo in virtù dell'essenza che incarniamo e se non la realizziamo, la vita è sprecata».

È forse questa la ricetta per la felicità? 

Io penso di sì, e con la mia esperienza posso testimoniare che quando l'essere di un individuo si allinea con la propria essenza, il potenziale umano inizia a sprigionarsi e trasforma la realtà in un sogno fantastico dal quale nessuno vorrebbe mai destarsi.

Mirco Mariucci

Nota:
(*) Per i curiosi, ecco un breve elenco delle attività che ho compiuto nell'ultimo anno: ho letto circa 40 libri e ne ho pubblicati due, che tra l'altro sono diventati dei bestseller (li trovate qui e qui gratis). Mi sono iscritto all'università. Ho redatto una dispensa per il corso di Modellistica numerica e ora sto scrivendo il mio primo trattato di matematica teorica inerente l'Analisi di Fourier. Ho inventato un nuovo linguaggio che può essere impiegato anche come supporto didattico in ambito matematico. Ho tenuto delle conferenze e proprio ieri, per ironia della sorte, mi è stato chiesto di svolgere delle lezioni in ambito universitario. Ho fondato una nuova corrente artistica il Dimostrazionismo, realizzato delle opere d'arte vincendo perfino un concorso! Ho concepito un gioco da tavolo che è in fase di valutazione per la messa in produzione.  Mi sono allenato fino a correre 31km in distanza e reggere ritmi di 3:45 minuti al km su pista... 

6 commenti:

  1. Bravo Mariucci, un vero buddista mascherato da ateo.
    Lo vedi che in qualcosa credi; In questo caso l'anima universale.
    Ora mi chiedo: Non sarai pure un capitalista mascherato
    da anticapitalista? Te lo dico perchè sono certissimo che quei
    4 gatti di credenti che ancora resistono stanno tutti nel fronte
    anticapitalista. Non ci credi? Lo sai che quando provo a parlare
    con i miei concittadini di sfruttamento del lavoro disoccupazione
    giustizia sociale, immancabilmente mi rispondono che il mondo
    è sempre stato così e l'importante è avere la pace interiore.
    Ora tu vorresti riproporre il comunismo buddista? i cristiani
    ti spernacchieranno. Il comunismo deve essere libero e di tutti
    o non è. Ma tu sei davvero anticapitalista? mah...
    I cristiani sono già anticapitalisti. Sono i buddisti che vanno
    convinti e tu lo puoi fare se ti trovi in sintonia con loro.
    Credi a me, metti ordine nelle tue idee, accantona gli Odifreddi
    e prendi esempio da Diego Fusaro e finiscila di scassare i maroni
    a cattolici valdesi e ortodossi altrimenti se non capisci vattene affanculo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente non capisco da cosa derivino queste sue deduzioni... comunque sia, in quanto non-credente, ateo e materialista, non credo affatto in nessuna "anima universale" (anche perché non ho la più pallida idea di che cosa sia un'"anima universale"). E tanto meno posso definirmi buddista. Sono invece (fortemente) anti-capitalista. In realtà concordo con un suo punto: vivendo in condizione di sfruttamento e oppressione dubito fortemente che la pace interiore possa essere raggiunta...

      Elimina
  2. Condivido pienamente questo tipo di scelta, l'ho fatta anch'io 17 anni fa per diventare mamma. Lavoravo 15 ore al giorno e viaggiavo molto e non avevo alcuna intenzione di delegare ad altri l'educazione e la crescita del mio bambino. Sono stati gli anni migliori della mia vita, ho iniziato a vivere davvero e a rendermi conto che non avevo affatto bisogno di tutti quei soldi che guadagnavo e non avevo neppure il tempo di spendere. Ho ritrovato me stessa e dedicato a mio figlio la parte migliore di me. Non sono più riuscita a rientrare nella prigione del lavoro. Mi accontento di poco e sono felice.

    RispondiElimina
  3. Grazie Mirco le Tue parole, i tuoi pensieri, i tuoi argomenti e le Tue trattazioni risuonano in me con prepotenza e sento il bisogno di collegarmi alla tua anima critica perchà alla radice c'e' il Vero che sublima tutto/i.IL Vero non ha identità e connotazioni anagrafiche.Cio che dici e affermi oggi, Il Vero lo pone innanzi agli occhi di tutti coloro che cercano i tuoi pensieri ossia le vesti contingenti del Vero.UN Dio Utopico e Razionale aleggia nelle menti dell'Umanita alla ricerca del Vero.R.P

    RispondiElimina
  4. Mi aiutate a capire come seguitare a vivere in questa societa' licenziandomi e coltivando le mie passioni e allo stesso tempo mantenermi per esempio la casa in cui vivo gravata da un mutuo la cui rata mensile e' 650 euro???
    Grazie

    RispondiElimina
  5. Vorrei chiedere come mangiavi e bevevi. Per opera dello spirito santo o di marx o di chi altro ? Per stare un anno senza fare nulla, anzi per fare tutte le belle cose che sostieni di avere fatto, avevi qualcuno he ti manteneva ? spiegami, per favore.

    RispondiElimina